+- +-

+-User

Welcome, Guest.
Please login or register.
 
 
 
Forgot your password?

+-Stats ezBlock

Members
Total Members: 8159
Latest: Pietro777
New This Month: 0
New This Week: 1
New Today: 0
Stats
Total Posts: 1198077
Total Topics: 83728
Most Online Today: 43
Most Online Ever: 378
(Marzo 16, 2020, 12:37:38 am)
Users Online
Members: 0
Guests: 35
Total: 35

Autore Topic: Zoran, praticamente Danielegas  (Letto 2735 volte)

troglo

  • "Chef Tony"
  • Manico
  • *****
  • Post: 9066
  • Volereste su un aereo fatto dalla Ducati?
    • Studio Dentistico Dr. Emilio Corvino
Zoran, praticamente Danielegas
« il: Novembre 14, 2013, 08:12:54 am »
Ieri sera siamo andati a vedere Zoran. Ci sono andato perché conosco il regista, Matteo Oleotto, che si é diplomato alla scuola nazionale di cinema con il mio amico Edoardo De Angelis.
Grandissimo film, divertente ma mai banale o volgare
Protagonista un grandissimo Giuseppe Battiston, che penso sia uno dei migliori attori attualmente in giro in Italia

Ecco la trama da my movies


"Paolo Bressan è un uomo cinico col vizio del vino e della menzogna, con cui mette in difficoltà il prossimo e prova a riconquistare la sua ex moglie. Occupato presso una mensa per anziani, è svogliato e sgraziato con gli amici del paese che gli danno ricovero nelle difficoltà, contenendone l'incontinenza e la boria. Tra un bicchiere di vino e un piatto di gulash, 'eredita' un nipote da una lontana zia slovena, a cui dovrà dare ospitalità il tempo necessario perché la burocrazia faccia il suo corso e il ragazzo si stabilisca in una casa-famiglia. Zoran, adolescente naïf nascosto dietro un paio di grandi occhiali, è un ragazzino colto che parla un italiano aulico e gioca bene a freccette. Accortosi molto presto del talento del nipote nel lanciare e colpire sempre il centro, Paolo è deciso a sfruttarne la disposizione, iscrivendolo al campionato mondiale di freccette. Spera in questo modo di vincere sessantamila euro e di sistemarsi per sempre lontano dalla provincia friulana. Niente andrà come previsto e Paolo farà finalmente i conti con se stesso e coi sentimenti degli altri.
Opera prima di Matteo Oleotto, Zoran, il mio nipote scemo si svolge in un piccolo paese della provincia friulana che, come quella di Andrea Molaioli contempla 'lo scemo del villaggio' ma declina la storia in commedia. 'Alterato' da uno sguardo etilico, Zoran, il mio nipote scemo descrive un territorio e un soggetto che il regista goriziano conosce bene, dedicandosi alle vigne e al vino nel tempo libero. E il vino è senza dubbio la materia di cui è fatto il film di Oleotto e il sogno del suo protagonista.
Praticando leggerezza e sorriso, Zoran, il mio nipote scemo gravita intorno a due nodi narrativi, il caso e l'occasione. Il caso, la morte improvvisa di una zia dimenticata e forse mai conosciuta, offre al Bressan di Giuseppe Battiston l'occasione di dare una svolta alla propria vita, trasformandola, nell'epilogo, in esperienza di vita. A innescare il gioco è un ragazzino che riuscirà a 'invischiare' uno zio ruvido e ubriacone in qualcosa che Paolo Bressan non aveva previsto e che ha a che fare con la riscoperta dei sentimenti e dell'amore.
Punteggiata da siparietti, risate grasse e gomiti alzati, la commedia di Oleotto si muove al ritmo di una canzone popolare, zeppo di "buone cose di pessimo gusto". Libero e svagato, poggia come tralcio alla vite sulle spalle larghe di Giuseppe Battiston, a cui Oleotto affida un personaggio bisbetico, che conferma e rinnova all'attore il consenso del proprio pubblico. Rok Prašnikar, efficace e intenso alla sua prima prova, resiste a un personaggio fuor di misura e a uno zio cialtrone, che infila osterie e scorciatoie. La scrittura caricaturale e l'eccessivo buonismo annullano tuttavia la candida percezione della vita del nipote Prašnikar, che tutt'altro che scemo riassorbe e in qualche occasione neutralizza la sfacciata (e villana) piacioneria dello zio Battiston. Come un buon vino friulano, Zoran, il mio nipote scemo si beve e lascia nel finale in bocca un sapore amabile e rotondo."


Praticamente la vita di Danielegas

"Se non dovessi tornare, di' a  mia madre che le voglio bene"
"ma tua madre è morta!"
"Allora glielo dirò io"

lautzi

  • Manico
  • *****
  • Post: 6541
  • Quanno nun sai che fa'..... sona!!!!
    • Bikersnews
Re:Zoran, praticamente Danielegas
« Risposta #1 il: Novembre 14, 2013, 08:16:38 am »
Lo avevo gia nel mirino. A breve andrò a vederlo

Inviato dal mio coso


titterina

  • Moderatore
  • Manico
  • *
  • Post: 4701
  • A volte la follia è la vera saggezza...
Re:Zoran, praticamente Danielegas
« Risposta #2 il: Novembre 14, 2013, 09:04:09 pm »
forse...

ma per me  tu sottovaluti la storia di Daniele!  :229:

©danielegas®

  • animula vagula e blandula
  • Moderatore
  • King of Spam
  • *
  • Post: 18545
  • bingo bongo
Re:Zoran, praticamente Danielegas
« Risposta #3 il: Novembre 14, 2013, 09:38:04 pm »

Ieri sera siamo andati a vedere Zoran. Ci sono andato perché conosco il regista, Matteo Oleotto, che si é diplomato alla scuola nazionale di cinema con il mio amico Edoardo De Angelis.
Grandissimo film, divertente ma mai banale o volgare
Protagonista un grandissimo Giuseppe Battiston, che penso sia uno dei migliori attori attualmente in giro in Italia

Ecco la trama da my movies


"Paolo Bressan è un uomo cinico col vizio del vino e della menzogna, con cui mette in difficoltà il prossimo e prova a riconquistare la sua ex moglie. Occupato presso una mensa per anziani, è svogliato e sgraziato con gli amici del paese che gli danno ricovero nelle difficoltà, contenendone l'incontinenza e la boria. Tra un bicchiere di vino e un piatto di gulash, 'eredita' un nipote da una lontana zia slovena, a cui dovrà dare ospitalità il tempo necessario perché la burocrazia faccia il suo corso e il ragazzo si stabilisca in una casa-famiglia. Zoran, adolescente naïf nascosto dietro un paio di grandi occhiali, è un ragazzino colto che parla un italiano aulico e gioca bene a freccette. Accortosi molto presto del talento del nipote nel lanciare e colpire sempre il centro, Paolo è deciso a sfruttarne la disposizione, iscrivendolo al campionato mondiale di freccette. Spera in questo modo di vincere sessantamila euro e di sistemarsi per sempre lontano dalla provincia friulana. Niente andrà come previsto e Paolo farà finalmente i conti con se stesso e coi sentimenti degli altri.
Opera prima di Matteo Oleotto, Zoran, il mio nipote scemo si svolge in un piccolo paese della provincia friulana che, come quella di Andrea Molaioli contempla 'lo scemo del villaggio' ma declina la storia in commedia. 'Alterato' da uno sguardo etilico, Zoran, il mio nipote scemo descrive un territorio e un soggetto che il regista goriziano conosce bene, dedicandosi alle vigne e al vino nel tempo libero. E il vino è senza dubbio la materia di cui è fatto il film di Oleotto e il sogno del suo protagonista.
Praticando leggerezza e sorriso, Zoran, il mio nipote scemo gravita intorno a due nodi narrativi, il caso e l'occasione. Il caso, la morte improvvisa di una zia dimenticata e forse mai conosciuta, offre al Bressan di Giuseppe Battiston l'occasione di dare una svolta alla propria vita, trasformandola, nell'epilogo, in esperienza di vita. A innescare il gioco è un ragazzino che riuscirà a 'invischiare' uno zio ruvido e ubriacone in qualcosa che Paolo Bressan non aveva previsto e che ha a che fare con la riscoperta dei sentimenti e dell'amore.
Punteggiata da siparietti, risate grasse e gomiti alzati, la commedia di Oleotto si muove al ritmo di una canzone popolare, zeppo di "buone cose di pessimo gusto". Libero e svagato, poggia come tralcio alla vite sulle spalle larghe di Giuseppe Battiston, a cui Oleotto affida un personaggio bisbetico, che conferma e rinnova all'attore il consenso del proprio pubblico. Rok Prašnikar, efficace e intenso alla sua prima prova, resiste a un personaggio fuor di misura e a uno zio cialtrone, che infila osterie e scorciatoie. La scrittura caricaturale e l'eccessivo buonismo annullano tuttavia la candida percezione della vita del nipote Prašnikar, che tutt'altro che scemo riassorbe e in qualche occasione neutralizza la sfacciata (e villana) piacioneria dello zio Battiston. Come un buon vino friulano, Zoran, il mio nipote scemo si beve e lascia nel finale in bocca un sapore amabile e rotondo."


Praticamente la vita di Danielegas

Ahahha
Battiston piace pure a me!
Se non erro è stato tutto girato nella mia regione !

(',) cieuuu (',)

La massa è idiota! ... distinguiti...

troglo

  • "Chef Tony"
  • Manico
  • *****
  • Post: 9066
  • Volereste su un aereo fatto dalla Ducati?
    • Studio Dentistico Dr. Emilio Corvino
Re:Zoran, praticamente Danielegas
« Risposta #4 il: Novembre 14, 2013, 11:11:30 pm »
Tranne una puntatina in Slovenia. É una produzione italoslovena

"Se non dovessi tornare, di' a  mia madre che le voglio bene"
"ma tua madre è morta!"
"Allora glielo dirò io"

 

+-Recent Topics

Problemone cbr 600 rr 2003,non si accende! by Riccardo64
Giugno 03, 2020, 05:39:01 pm

dubbio pompa freno o pinze da revisionare. by Riccardo64
Giugno 01, 2020, 09:36:29 pm

Non si avvia cbr 600 f4i by Riccardo64
Maggio 22, 2020, 05:01:51 pm

Problema contagiri my 2006 by Riccardo64
Maggio 12, 2020, 08:44:19 pm

1° maggio by Riccardo64
Maggio 01, 2020, 02:10:36 pm

PER HONDA CBR 600 RR 03-04-05-07 rimanenze a prezzo stock!! by Riccardo64
Aprile 22, 2020, 06:36:17 pm

Auguri di Buona Pasqua a chi c'è ancora e a chi passa. by ©danielegas®
Aprile 12, 2020, 06:07:16 pm

mi presento by Riccardo64
Aprile 05, 2020, 07:38:09 pm

varie per cbr 600 f4i by Riccardo64
Marzo 31, 2020, 08:40:13 pm

Associazioni di idee by Riccardo64
Marzo 15, 2020, 08:54:03 pm

Powered by EzPortal